Bardahl al fianco della Squadra Corse dell’Università di Pisa

Sul circuito “Riccardo Paletti” di Varano de’ Melegari, l’E-Team Squadra Corse dell’Università di Pisa, sponsorizzata da Bardahl Italia, conquista ben due podi nelle competizioni della Formula SAE Italy.
All’esordio stagionale con la nuova vettura Kerublast il team di futuri ingegneri (e non solo) ha partecipato dal 24 al 28 luglio alla competizione organizzata da SAE International (Society of Automotive Engineering) in partnership con ANFIA e con la main sponsorship di FCA, presente con il marchio Abarth, e di Dallara.

La Formula SAE non è una semplice gara, ma un’iniziativa che ha lo scopo di valutare il miglior prototipo da competizione sotto ogni aspetto: sportivo, commerciale, tecnologico ed ecosostenibile. L’E-Team ha affrontato con grande successo tutti gli eventi statici e dinamici, ottenendo tante vittorie in un solo colpo: ben due primi posti per il Cost Event e il Business Presentation Event, quinto posto nell’Acceleration (accelerazione di 75 metri su un rettilineo piano) e nono posto nell’Autocross (due giri di corsa con l’obiettivo di valutare le skills della macchina), risultando terzo team italiano nella classifica generale. A Varano si sono confrontati ben 79 diversi atenei in rappresentanza di 26 Paesi e ben 2600 studenti universitari.

, Bardahl al fianco della Squadra Corse dell’Università di Pisa

Bardahl e Unipisa

Un’altra importante vittoria è stata poi la prova di Endurance, da sempre la più temuta di tutte: si tratta di percorrere 22 km senza mettere mani sulla macchina (è previsto un solo cambio pilota dopo i primi tredici giri), con lo scopo di valutare le performance generali della vettura. Kerublast è riuscita a portare a termine tutti e 25 i giri previsti: una grandissima soddisfazione, se si considera che sono pochi i team che giungono alla fine di questa prova. Ma questo non è stato l’unico successo ottenuto: grazie all’abilità dei piloti, la monoposto dell’Università di Pisa ha registrato dei tempi record rispetto agli anni precedenti.

Giovani ingegneri crescono… con Bardahl…