Bardahl alla finale di Mantova degli Internazionali d’Italia di Motocross

Si sono chiusi con il doppio sigillo di Tony Cairoli (Ktm) gli Internazionali d’Italia di Motocross, un trittico di gare che ha aperto la stagione 2018 sponsorizzato da Bardahl Italia. Dopo le prove di Riola Sardo (Sardegna) e Noto (Sicilia) l’epilogo di campionato si è tenuto domenica 18 febbraio sul crossodromo internazionale “Tazio Nuvolari” a Mantova. Nonostante la pioggia il pubblico ha risposto in maniera positiva all’evento che vedeva al via i migliori team ufficiali alle prese con le prime schermaglie in attesa del debutto del Mondiale Motocross in programma il prossimo 4 marzo in Argentina per il Gran Premio di Patagonia.

Il nove volte Campione del Mondo, Tony Cairoli, si è aggiudicato sia la frazione della Mx1 che la Supercampione conquistando così i due titoli in palio. Per lui anche un premio speciale: una settimana bianca a Sestriere. A consegnare sul podio il maxi assegno sono state proprio le nostre “bardahline” che hanno distribuito al pubblico accorso a Mantova numerosi gadget.

In evidenza il team TM Racing, factory pesarese utilizza lubrificanti ed additivi Bardahl. Nella Mx1 Max Nagl, al rientro dopo un infortunio al gomito, ha conquistato il quinto posto al termine di una bella rimonta dalla nona piazza. Gran recupero per lui anche nella manche della Supercampione dov’è risalito dalla 11° alle 6 piazza. Per il campione tedesco si tratta senza dubbio un buon rientro tenendo conto che Max è alla ricerca ancora del miglior affiatamento in sella alla sua TM 450. Grinta e determinazione sono state le armi sfoderate da Samuele Bernardini, pilota ufficiale TM nella MX2. Al via della gara è rimasto coinvolto in una caduta di gruppo. Ripartito nelle ultimissime posizioni ha compiuto una rimonta forsennata che lo ha portato dalla 40° alla 12° posizione. Nella Supercampione ha lottato i big della MX1 chiudendo 7° alle spalle del compagno di team Nagl.

Sempre nella Mx2 Maxime Renaux del team Yamaha SM Action, squadra supportata da Bardahl diretta da Emanuele Giovannelli, è stato coinvolto nella caduta in partenza rompendo la leva del cambio. Arrivato da leader provvisorio, per quest’episodio sfortunato ha chiuso 24° girando in quarta marcia per l’intera frazione. Ottimo secondo posto del compagno di squadra Alvin Ostlund che ha colto la piazza d’onore in campionato. Il giovanissimo Alessandro Mannucci ha chiuso in 31° posizione la sua manche in Mx2.

In gara nella Mx2 anche il Team Suzuki Max Bart di Massimo Bartolini, squadra supportata da Bardahl con Gabriele Arbini (34°) e Tommaso Isdraele (39°).